Pagine

sabato 11 gennaio 2014

Diy or die /2


Telaio autocostruito con un pezzo di compensato avanzato dall'assemblamento del mobiletto del bagno (80 x 15 cm). Le spolette e i distanziatori sono fatti con i bastoncini dei ghiaccioli mangiati quest'estate (ho una dannosissima compulsione a tenere tutto, ma proprio tutto).
Le lane che uso sono recuperate dai cassonetti degli abiti usati (più o meno) e preziosissimo dono di Maria (grazie, Maria!).

Pensavo che ne risultassero strisce di tessuto di almeno 10 x 75 cm, ma, se sulla lunghezza ci siamo abbastanza, invece sulla larghezza ho notato che i fili si restringono parecchio con questo metodo...
Nel punto centrale la striscia misura cinque centrimetri. Un po' pochino.
E poi l'effetto a clessidra che vedete non è per niente voluto!!!
Anche quello andrà aggiustato in qualche modo.
Ho usato in effetti un filo molto sottile per questo esperimento. Dovrò provare con un filo più spesso e meno elastico per l'ordito (forse cotone al posto della lana).

Comunque l'effetto al tatto e alla vista e' molto piacevole e la velocità di esecuzione mi soddisfa.

Spero di poter postare al più presto il lavoro finito (pensavo di unire 9 di queste strisce per provare a fare una sciarpetta... ).

Intanto, complice una frenetica attività di "pinnaggio" su Pinterest, sto sognando di fare un telaio a mano ENORME da fissare al portico questa primavera per farmi un bel tappeto...

Ah ah, sogna sogna!

Nessun commento:

Posta un commento